Login Soci

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto a caso

KIR

IL SERAM

IL MALAMUTE

SEZIONE LAVORO

SEZIONE SALUTE

SEZ. EXPO' & T.V.C.

SERAM su Facebook

Contatore

Accessi dal 15 Ottobre 2008

Utenti online

4 utente(i) online
(1 utente(i) in Le nostre Sezioni)

Iscritti: 0
Ospiti: 4

altro...
Storia della razza > I cani Inman-Irwin

I cani Inman-Irwin

Published by Andrea Lucchesi on 19/9/2008 (2671 reads)
I CANI INMAN-IRWIN

I cani Hinman-Irwin spesso vengono definiti come terza linea, al contrario degli altri che sono Kotzebue e M'Loot. Comunque, alcune persone la definirono così, soprattutto Robert Zoller, poiché c'erano troppo pochi esempi di cani Hinman/Irwin per essere riconosciuti come una linea vera e propria (Barbara A. Brooks e Sherry E. Wallis, "Alaskan Malamute - Yesterday and Today"). Ciononostante il contributo dei cani Hinman-Irwin nella storia della razza è di notevole importanza.
Gli antenati dei cani Hinman-Irwin, Igloo e Lynx, furono importati in New Hampshire dall'area di Baker Lake in Canada da un uomo chiamato Dave Irwin. Dall'accoppiamento di Igloo e Lynx nacque un cane chiamato Irwin's Gemo (noto anche come Erwin, Gimo o Chimo). Gemo fu portato in Vermont al Ranch di Craig Burt, dove lavorò come teamdog. Quando Dick Hinman (che di occupazione faceva il barbiere) aveva la possibilità, andava al ranch per guidare il team di sleddog e Gemo fu usato da Dick Hinman anche in riproduzione. Comunque, i cani Hinman-Irwin non sarebbero mai stati inclusi nella storia ufficiale dell'Alaskan Malamute se non fosse stato per un uomo chiamato Robert Zoller.
Robert Zoller (o meglio Bob Zoller) aveva servito come ufficiale navale durante la seconda guerra mondiale e mentre si trovava in New Foundland incontrò un Alaskan Malamute che gli fece un'impressione molto forte. Quando la guerra finì, Zoller decise di contattare alcuni allevatori per vedere un'altra volta questa magnifica razza. Inizialmente fu mandato all'allevamento Chinook dei Seeley, che in quel periodo era gestito da un uomo chiamato Dick Moulton. Zoller vide i Malamute Kotzebue, ma li trovò un po' troppo piccoli. Così Moulton suggerì a Zoller di andare a vedere i cani di Dick Hinman, che probabilmente erano più simili a quello che Zoller aveva in mente. Così Zoller andò a vedere i cani Hinman/Irwin, che da quel momento furono coinvolti in un notevole programma di allevamento ed entrarono a far parte nella storia dell'Alaskan Malamute.
Quando Bob Zoller andò a trovare Dick Hinman, Hinman stava lavorando ed era occupato, quindi mandò Zoller al suo allevamento per andare a vedere i cani. Lì Zoller vide due esemplari che descrisse come "i due Malamute più impressionanti" che aveva mai visto in vita sua. I cani che aveva visto erano Hinman's Alaska ed il padre Irwin's Gemo. Zoller, che aveva conosciuto sia i Kotzebue di Seeley che gli M'Loot di Voelker, pensò che questi cani "Hinman-Irwin" erano migliori di qualsiasi cane visto precedentemente. Così decise di comprare un cucciolo dalla cucciolata che Dick Hinman aveva attualmente disponibile; il padre era Hinman's Alaska.
Il cucciolo, Kayak Of Brookside, fu incrociato più tardi da Robert Zoller con Ch. Artic Storm Of Husky-Pak (Zoller decise di chiamare Husky-Pak il suo allevamento) e da questa cucciolata nacquero Buccaneer, Black Hawk and Banshee e tutti diventarono campioni. Zoller si sentì fortunato per aver incontrato i cani Hinman-Irwin che offrivano una qualità in più al suo programma d'allevamento. Attraverso gli Alaskan Malamutes Husky-Pak, i cani Hinman/Irwin divennero così molto popolari tra gli altri allevatori e diedero un grande contributo all'evoluzione dell'Alaskan Malamute.

Referenze:
Barbara A. Brooks e Sherry E. Wallis, "Alaskan Malamute - Yesterday and Today", Pubblicazioni Alpine, 1998.
Joan McDonald Brearley, This is the Alaskan Malamute, Pubblicazioni T.F.H., 1975.

FOTO STORICHE

Open in new window
Kayak Of Brookside

Open in new window
Ch.Arctic Storm of Husky-Pak

Open in new window
Ch. Banshee of Husky-Pak
  Send article

Navigate through the articles
Previous article Lo sleddog come sport Le origini e la corsa all'oro Next article