Login Soci

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Foto a caso

Tobia - da Sara Digiuni

IL SERAM

IL MALAMUTE

SEZIONE LAVORO

SEZIONE SALUTE

SEZ. EXPO' & T.V.C.

SERAM su Facebook

Contatore

Accessi dal 15 Ottobre 2008

Utenti online

2 utente(i) online
(1 utente(i) in Le nostre Sezioni)

Iscritti: 0
Ospiti: 2

altro...
Sezione Salute > Malattie genetiche > Displasia dell'anca (HD)

Displasia dell'anca (HD)

Published by Andrea Lucchesi on 18/9/2008 (4321 reads)
DISPLASIA ALL'ANCA (HD)

L'Alaskan Malamute, come tutte le razze di grossa taglia, può soffrire di displasia all'anca. In breve, in questo tipo di patologia, multifattoriale, la testa ed il collo del femore con l’acetabolo risultano, singolarmente o nel complesso, più o meno deformati. Nelle sintomatologie più gravi si manifesta con la zoppia del soggetto, più comune in cani con una rapida crescita scheletrica. Molti studi vertono nel ritenerla, nel caso ereditario, una forma poligenica (dovuta da più geni) ad andamento recessivo, ed è questa sua caratteristica che spesso pur non essendo manifesta nei genitori può comparire nei figli. Oggi si cercano nuove metodologie di prevenzione grazie allo studio del genoma canino, ma non essendo ancora perfezionate si continua ad adoperare il sistema dell’esame radiografico dell’articolazione coxo-femorale per essere in grado di identificare i soggetti affetti.
Veterinari e ricercatori medici sono divisi nella loro opinione di quale sia la causa esatta della displasia dell'anca. Anche se l'ereditarietà non è stata pienamente determinata, alcuni pensano che le cause possono essere molteplici con possibile influenza delle condizioni ambientali nella fase della crescita: mal nutrizione, sovrappeso, pavimento liscio, traumi, ecc.
Molto continua a rimanere ignoto sulla displasia dell'anca, ma è stato dimostrato in modo conclusivo che la riproduzione di soggetti affetti da tale patologia sostanzialmente aumentano l'incidenza di displasia nei cuccioli. Anche se può accadere che un cucciolo affetto da displasia nasca da due genitori sani, le possibilità sono comunque inferiori rispetto a cuccioli nati da uno o entrambi i genitori displatici. Nonostante questa statistica è importante crescere il cucciolo nelle migliori condizioni ambientali.
La displasia si manifesta generalmente tra i sei e i dodici mesi di età. I sintomi possono variare dal grado di gravità della malattia. Alcuni cani displatici possono presentare un aspetto completamente normale. Solo un esame radiografico può diagnosticare il grado di displasia di ogni soggetto.
Nei paesi della FCI (Fédération Cynologique Internationale) c'è un sistema di lettura delle lastre radiografiche differente dai paesi anglosassoni, dove è l'OFA (Orthopedic Foundation for Animals) l'organizzazione che si occupa della lettura delle lastre.
L'Italia è un paese appartenente alla FCI e le lastre vengono effettuate da una Associazione di Veterinari abilitati che si trovano su tutto il territorio italiano. Costoro inviano le lastre alla rispettiva Centrale di Lettura Ufficiale, presso Cremona (Dott. Aldo Vezzoni) per la FSA (Fondazione Salute Animale) e presso Ferrara (Dott. Cesare Pareschi) per l'A.I.V.P.A. (Associazione Italiana Veterinari Piccoli Animali). Deve essere eseguita a sviluppo osseo conseguito (oltre 1 anno di età) in anestesia generale per ottenere il massimo rilassamento muscolare con il corretto posizionamento (dorso-vertebrale) del soggetto. I soggetti a cui viene effettuato l'esame avranno applicato un Timbro da parte dell'Associazione, dell'ENCI e del Club specializzato di Esenzione da Displasia sul Certificato di Origine (Pedigree).


CLASSIFICAZIONE FCI

Grado A (HD.A):
NORMALE

Open in new window
La testa del femore e l'acetabolo sono congruenti. Il bordo acetabolare craniolaterale appare netto e leggermente arrotondato. Lo spazio articolare risulta sottile ed uniforme. L'angolo di Norberg è di circa 105° o superiore.

Grado B (HD.B):
QUASI NORMALE

Open in new window
La testa del femore e l'acetabolo appaiono appena incongruenti e l'angolo di Norberg è di circa 105°, oppure l'angolo di Norberg è inferiore a 105° ma il centro della testa del femore si trova medialmente al bordo acetabolare dorsale.

Grado C (HD.C):
LEGGERA DISPLASIA

Open in new window
La testa del femore e l'acetabolo appaiono incongruenti e l'angolo di Norberg è di circa 100° e/o il bordo acetabolare craniolaterale risulta appiattito. Possono essere presenti lievi irregolarità o segni minori di modificazioni osteo-artrosiche.

Grado D (HD.D):
MEDIA DISPLASIA

Open in new window
Incongruenza evidente tra la testa del femore e l'acetabolo, con sub-lussazione. L'angolo di Norberg è compreso tra 90° e 100°. Sono presenti un appiattimento del bordo acetabolare craniolaterale e/o segni di osteoartrosi.

Grado E (HD.E):
GRAVE DISPLASIA

Open in new window
Sono presenti modifiche marcate come lussazione o sublussazione evidente, con l'angolo di Norberg inferiore a 90°, appiattimento del bordo acetabolare craniolaterale, deformazione della testa del femore (a forma di fungo od appiattita) od altri segni di osteoartrosi.


CLASSIFICAZIONE OFA

Nel sistema anglosassone le classificazioni si suddividono in sette gradi differenti:
1. Eccellente
2. Buono
3. Discreto
4. Sufficiente
5. Lieve displasia
6. Displasia moderata
7. Grave displasia
Per maggiori informazioni: www.offa.org


Quando un allevatore pensa di acquistare un Malamute da riproduzione, dovrà assicurarsi, meglio possibile, che il cane abbia le anche eccellenti. Quando si acquista un cane di almeno un anno di età, le anche dovrebbero essere state radiografate e la diagnosi dovrebbe essere normale per l'OFA se il cane acquistato proviene da paesi anglosassoni, da un radiologo ufficiale abilitato alla lettura se il cane proviene da un paese membro della FCI.
Nel caso di acquisto di un cucciolo, entrambi i genitori dovrebbero essere stati diagnosticati normali con esame radiografico e muniti di certificato.
Nessun allevatore potrà mai garantire con certezza che il suo cucciolo non sarà mai displatico, ma l'allevatore onesto userà soltanto cani sani in riproduzione e darà le maggiori garanzie per la salute del cucciolo. Per fare questo, un allevatore onesto, garantirà il cucciolo con un contratto scritto o verbale nell'eventualità che un cucciolo dovesse manifestare questa patologia.
Nonostante il modo di allevare coscienzioso di molti allevatori, la maggior parte di essi producono una piccolissima percentuale di cani displatici. Questi cani, se non gravemente colpiti, possono condurre vite normali e felici. Esistono comunque, nei casi più gravi, tipi di operazioni chirurgiche che migliorano la vita del cane affetto da displasia. Ad ogni modo soggetti displatici, anche leggermente, non dovrebbero mai essere usati in riproduzione. Molti allevatori venderanno questi cani a prezzi ridotti come "pet" (cani da compagnia), a condizione che l'animale non deve essere in grado di riprodurre, tramite sterilizzazione.
La displasia dell'anca non è una patologia facile da comprendere, ed anche gli allevatori più esperti ed i ricercatori scientifici ammettono la loro frustrazione di fronte a questa patologia. Questo articolo è un'introduzione molto breve ad un problema molto complesso, ma con buona speranza servirà ad informare il proprietario o il futuro proprietario dell'Alaskan Malamute in modo da essere preparato a questa eventualità che colpisce alcuni soggetti di razze di grande mole.

Nota finale
Da evidenziare, comunque, che l'eccellente selezione europea, in tutte le razze di grande mole, con l'appoggio dei club di razza specializzati (che incentivano gli allevatori ad allevare cani sani e far loro le dovute diagnosi) ha reso questo problema abbastanza raro. Da questo si intuisce che il lavoro svolto dagli allevatori è nella giusta direzione e che i futuri acquirenti hanno poco di cui preoccuparsi, anche se avere un minimo di conoscenza di questa patologia può essere comunque utile, poiché anche i semplici proprietari di cani dovrebbero avere un minimo di cultura cinofila utile per il miglioramento delle razze.

Ringraziamenti

Per il materiale usato si ringraziano: l'OFA (Orthopedic Foundation for Animals), la FSA (Fondazione Salute Animale), Minnesota Malamute Club, il Portale dei Retriever.


ESEMPI SIGNIFICATIVI

Open in new window

Radiografia di un soggetto sano

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Descrizione anatomica dell'articolazione

Open in new window

1. Bordo craniolaterale dell’acetabolo
2. Bordo craniale dell’acetabolo
3. Testa del femore
4. Fovea capitus
5. Fossa acetabolare
6. Bordo caudale dell’acetabolo
7. Bordo dorsale dell’acetabolo
8. Giunzione testa e collo del femore
9. Fossa trocanterica.

Angolo di Norberg-Olsson

Open in new window

Si sovrappone un lucido sopra la lastra. Ricalcando la testa dei due femori (immagine sopra), si evidenzia il margine distale acetabolare: punto D e punto S (figura sottostante).

Open in new window

Su altri due fogli di carta, si creano due disegni simmetrici, che comprendano entrambi: 4 cerchi concentrici aventi per raggio mm 7, 10, 13, 16; un asse orizzontale (OO'); 3 rette perpendicolari all'asse così da formare 3 angoli di 90°, 100° e 105° (figura in basso).

Open in new window

Sovrapponendo i due disegni al primo, in modo che i punti O e O' corrispondano al centro della testa destra e testa sinistra dei rispettivi femori, e chiamiamo M il punto medio del segmento OO' (che unisce i due centri delle teste dei femori). La linea verde denominata DOMO'S evidenzia i due angoli di NORBERG-OLSSON DÔM e SÔ'M (vedi figura sotto)

Open in new window

La sovrapposizione con i diagrammi graduati determinerà il valore degli angoli.


--------------------------------------------------------------------------------
  Send article

Navigate through the articles
Previous article Oculopatie ereditarie Torsione dello stomaco Next article